Cosa ci insegna l’ansia

di Psicoterapia-corporea

Quando proviamo un’emozione, la valutiamo rapidamente come buona o cattiva, come qualcosa che vogliamo o come qualcosa che non vogliamo. Queste valutazioni spesso oscurano la nostra esperienza emotiva. Così come ci immergiamo nell’idea che “l’ansia è cattiva” prima ancora di sapere cosa stiamo provando o dove lo sentiamo. L’ansia può presentarsi in molti modi: dalle mani tremanti allo stomaco in subbuglio, all’elettricità che scorre attraverso il nostro corpo. Potremmo sentirci a disagio, persino irrequieti, con un senso di morte imminente. Pensieri e frammenti di memoria svolazzano nella nostra mente. Per quanto strano possa sembrare, c’è una ricchezza nell’ansia come un’intera esperienza che neghiamo a noi stessi etichettandola immediatamente come “cattiva” e affrettandoci a scappare da essa.
Se rallenti e resti, tuttavia, puoi imparare dalle tue emozioni. Lascia andare le valutazioni. Puoi osservare l’ansia, puoi farti domande come Dove sento la mia ansia? Cosa mi incoraggia a fare? Cos’altro sento? Descrivi l’esperienza dell’ansia, apprezzala e poi diventa più consapevole grazie ad essa.

– Sotto l’ansia ci sono spesso altre emozioni che richiedono attenzione. Potrebbero esserci tristezza, solitudine, rimpianto, gelosia, rabbia. E quando non riusciamo ad affrontare queste altre emozioni in modo appropriato, è probabile che segua più ansia. La via sana da seguire è aprirsi all’ansia e a queste altre emozioni nascoste. Questo significa prendersi un momento per notare e sentire le emozioni all’interno del proprio corpo. Osservale, sentile. E poi respira dentro di loro e permetti loro di espandersi dentro di te. Puoi chiederti, cos’altro sto provando in questo momento? E cos’altro c’è dentro questi sentimenti?
Lasciar andare le valutazioni e aprirsi alla propria esperienza non è un evento scontato. Invece di chiudere il contatto, resta curioso su cosa potrebbe accadere se resti in ascolto di ciò che ti accade.

– Lascia andare il controllo. È un errore presumere che si possa o si debba controllare il contenuto delle proprie emozioni. Resta con ciò che puoi controllare: la tua relazione con le tue emozioni.

– Uno dei motivi per cui è così importante aprirsi alle nostre emozioni è che sotto le emozioni difficili ci sono i nostri desideri più profondi. Se stai lottando con un’emozione, fermati e capovolgila. Cosa ti suggerisce questa emozione che ti interessa profondamente?

– Ascolta il tuo corpo. Concentrati di meno sulla risoluzione e di più sul vissuto all’interno del tuo corpo. Si tratta di ciò che senti. Osservare, descrivere e apprezzare emozioni e sensazioni va oltre l’interpretazione. Prendersi del tempo per sentirsi pienamente e senza inutili sovrastrutture va oltre la valutazione mentale che possiamo fare delle nostre emozioni.

– Nella nostra cultura, ci viene spesso detto che dobbiamo essere felici, che dobbiamo sentirci sicuri e orgogliosi. Ma affinché le emozioni facciano il loro lavoro, queste ultime non possono essere fissate nella pietra. Devono poter andare e venire, come un fiume che scorre, in continua evoluzione. Non aggrapparti ai sentimenti “buoni”. Una persona che si aggrappa alla “felicità” non è davvero felice. L’atto stesso di aggrapparsi dice: “Questo non può andare via”, il che di per sé provoca infelicità (proprio come con l’evitatore di emozioni che ha una mentalità che dice: “Questo non può accadermi, non posso sentirlo!”). Nel mondo delle emozioni, se non sei disposto a perdere qualcosa, l’hai già perso.

È comune pensare che la salute mentale riguardi solo persone con un disturbo diagnosticato, ma non è così. La salute mentale e comportamentale implica lo sviluppo di forza e flessibilità psicologiche. Ciò significa essere in contatto con il flusso e riflusso della propria esperienza interna – pensieri, emozioni, ricordi, impulsi e sensazioni – ed essere abbastanza aperti al mondo da poter dirigere la propria energia e le proprie azioni verso l’esterno, verso obiettivi, valori, aspirazioni e piacere.

Sfide come l’ansia ci chiedono di sviluppare le capacità psicologiche necessarie per essere chi siamo veramente, prendendo in considerazione le parti difficili della nostra storia e portandole avanti in una vita degna di essere vissuta.

Potrebbero piacerti

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.