L’essere e il fare

di admin

– da “Paura di vivere” di Alexander Lowen –

Quando l’attività è centrata su ciò che accade nel mondo esterno, può essere considerata “fare”. Quando l’attenzione è rivolta su ciò che succede all’interno, cioè sulle sensazioni che si hanno durante un’attività, siamo nella modalità “essere”. Questa distinzione è particolarmente indovinata per quanto riguarda il sesso. Alcune persone “fanno sesso”, cioè sono esecutori e il loro interesse sta nell’effetto che la loro attività sessuale ha sull’altra persona: per loro è un “viaggio” dell’Io. Per altri, l’attività sessuale comincia con una forte sensazione di desiderio e si conclude con una forte sensazione di piacere e di soddisfazione. Quando le sensazioni dominano la propria attività sessuale, si tratta di “essere”. Se la mente, la volontà o l’Io dominano l’attività, si tratta di “fare”.

Il fare non implica né determina sensazioni, anzi, può veramente inibirle o bloccarle. per esempio, quando cammino dall’ufficio alla stazione ferroviaria con l’idea di raggiungerla il più rapidamente possibile, non provo altre sensazioni oltre a un senso di fretta di prendere il treno. Tutti i miei movimenti sono tesi verso l’obiettivo e le sensazioni sono irrilevanti. D’altra parte è possibile fare o produrre qualcosa con sentimento. Affinché ci siano sensazioni, il processo o l’azione devono essere almeno importanti quanto lo scopo. Nell’esempio di prima, se mi avviassi verso la stazione con comodo perché ho un sacco di tempo, proverei il piacere della passeggiata e mi divertirei a guardare la gente e le vetrine. Ciò succede a volte, ma di solito ho troppo da fare. Non è una frase nella bocca di tutti? Troppo da fare e troppo poco tempo per farlo! La gente ha tanta fretta da non avere il tempo di respirare o di essere. Essere richiede tempo: tempo per respirare e tempo per sentire. Quando ci costringiamo a produrre o a compiere qualcosa diventiamo come macchine e il nostro essere si riduce. Tuttavia, se prestiamo al processo almeno tanta attenzione quanta ne prestiamo all’obiettivo, fare diventa un’azione creativa e che ci esprime e aumenta il senso dell’essere. Per quanto riguarda l’essere, ciò che conta non è quello che si fa, ma come si fa. Per il fare, è vero il contrario.

Quando un’attività ha la qualità del fluire appartiene all’essere. Quando ha la qualità dello spingere, appartiene al fare.

Potrebbero piacerti

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.