La fede nella vita

di admin

– Tratto da “La depressione e il corpo” di Alexander Lowen –

Il sentimento è la vita interna, l’espressione la vita esterna. Se la questione viene posta in questi semplici termini è facile vedere come una vita completa richieda una vita interiore fiorente (ricca di sentimento) e una vita esteriore libera (libertà di espressione). Nessuna delle due cose da sola può soddisfare pienamente. Prendiamo ad esempio l’amore. Il sentimento dell’amore è un sentimento ricco, ma l’espressione dell’amore in parole o in atti è una gioia immensa

Vi è una grande differenza tra la spiritualità dell’uomo apportatore di umano calore, di comprensione e di simpatia per il prossimo e la spiritualità dell’asceta che vive nel deserto o si confina in una cella. Una spiritualità che ha divorziato dal corpo diventa un’astrazione e un corpo cui è stata negata la spiritualità diventa un oggetto. Quando parliamo di spiritualità e di vita interiore, non stiamo forse parlando del sentimento dell’amore che unisce l’uomo all’uomo, ad ogni forma di vita, all’universo e a Dio? Eppure molti non vedono il problema in questi termini. Sono disposti a considerare l’amore per Dio un sentimento spirituale mentre ritengono che l’amore per la donna sia un sentimento carnale. Nel primo caso il sentimento d’amore è astratto dall’oggetto, nel secondo caso è posto in relazione diretta con l’oggetto. Un amore astratto può essere amore puro perché non è contaminato da alcun desiderio carnale, ma come un’idea pura che non ha carica emotiva, non ha alcuna importanza nei confronti della vita. Quando l’amore in Dio non viene manifestato anche nell’amore per il prossimo, ivi incluso il sesso opposto, e per tutte le creature viventi, non è vero amore. E quando l’amore non viene espresso in azioni e comportamenti, non è vero amore ma un’immagine dell’amore. L’astrazione ha con la realtà il medesimo rapporto dell’immagine speculare con l’oggetto che si trova di fronte allo specchio. Sembrano simili ma non lo sono certamente al tatto. Queste considerazioni ci obbligano a dare uno sguardo ai problemi in modo dialettico e in termini di energia. Ogni impulso può essere considerato come un’onda di eccitazione che comincia in un centro dell’organismo e scorre lungo un percorso determinato, che rappresenta la mira, verso un oggetto del mondo esterno che rappresenta il traguardo. Ma è anche vero che ogni impulso è una espressione dello spirito umano, perché è lo spirito che ci muove. Esso, tuttavia, non ci muove in una sola direzione. Gli impulsi fluiscono verso l’alto in direzione della testa e anche verso il basso in direzione della parte terminale o coda. Quando la corrente di sensazioni va in direzione della testa, il sentimento ha un carattere spirituale. Ci sentiamo sollevati ed eccitati. La corrente verso il basso ha un carattere sensuale o carnale, perché questa direzione porta la carica nel ventre e verso terra, facendosi sentire rilassati, radicati e con un senso di liberazione. La vita umana pulsa tra i suoi due poli, uno collocato all’estremità superiore del corpo o testa e l’altro all’estremità inferiore o coda. Possiamo assimilare il movimento verso l’alto al protendersi verso il cielo, e il movimento verso il basso allo scavare nella terra. Possiamo paragonare l’estremità superiore o testa con i rami e le foglie di un albero, e l’estremità inferiore o coda con le radici. Poiché il movimento verso l’alto va in direzione della luce e quello verso il basso in direzione dell’oscurità, possiamo mettere la testa in relazione con la coscienza e la coda o la parte terminale con l’inconscio. La pulsazione e la relazione esistente tra i poli possono essere mostrate schematicamente in termini di corpo ovvero dialetticamente. Nel corpo queste due direttrici del flusso si trovano nel movimento della corrente sanguigna, che dopo aver lasciato il cuore scorre verso l’alto attraverso l’aorta e verso il basso attraverso l’aorta discendente. Normalmente la corrente di sangue nelle due direzioni è equilibrata, ma una direzione o l’altra possono predominare in certe situazioni. Conosciamo bene il fenomeno per cui il sangue va alla testa quando ci si arrabbia e il vigoroso afflusso verso il basso nell’eccitazione genitale. Sappiamo che, se un’eccessiva quantità di sangue lascia la testa, si provoca una perdita di coscienza. Se possiamo concepire il corpo come diviso nella sezione mediana da un anello di tensione nell’area diaframmatica, i due poli diverranno due campi anziché essere i due poli di un’unica pulsazione che si muove in entrambe le direzioni simultaneamente o i punti terminali di un’oscillazione che si muove tra di essi. Ora, è un fatto che una certa misura di tensione diaframmatica esiste nella maggior parte delle persone. L’ho messo in evidenza precedente in relazione alla perdita di sensazioni e sentimenti nel ventre o hara, dovuta alla costrizione della respirazione addominale profonda. E’ anche vero che un certo grado di “scissione” è presente nella maggioranza delle persone nella società occidentale. L’effetto di questa scissione o dissociazione delle due metà del corpo è la perdita della percezione dell’unità. Le due direzioni opposte del flusso di corrente diventano due forze antagoniste. La sessualità verrà in tal caso avvertita come un pericolo nei confronti della spiritualità così come la spiritualità verrà considerata come una sorta di negazione del piacere sessuale. Alla stessa stregua, tutte le altre coppie antitetiche di funzioni sono viste in conflitto anziché in armonia tra loro. […] Il sentimento della fede è il sentimento della vita che scorre nel corpo da un capo all’altro, dal centro alla periferia e viceversa. Allorché non vi sono blocchi o costrizioni a disturbare e alterare il flusso, l’individuo si sente come una unità e come una continuità. I diversi aspetti della sua seconda personalità sono integrati, non dissociati. Non è una persona spirituale in opposizione ad una persona sessuale, e nemmeno è sessuale il sabato sera e spirituale la domenica mattina. Non parla due linguaggi diversi. La sua sessualità è un’espressione della sua spiritualità perché è un atto d’amore. La sua spiritualità ha un sapore terreno; è lo spirito della vita che egli rispetta nel modo in cui si manifesta in tutte le creature terrestri. Non è un essere in cui la mente domina il corpo né è un corpo senza mente. E’ una persona che pone mente al proprio corpo. E’ altrettanto importante, però, il suo senso di continuità. Deriva dal passato, esiste nel presente ma appartiene al futuro. Quest’ultimo pensiero può sembrare strano a coloro che seguono l’attuale modo di pensare secondo cui conta soltanto il momento contingente. Ma mi è venuto dall’idea che la vita è un processo continuo, un dischiudersi continuo di possibilità e potenzialità che sono nascoste nel presente. Senza un po’ di speranza nel futuro e di coinvolgimento nell’avvenire la vita di una persona giungerebbe a un punto morto, come accade alle persone depresse. Biologicamente, ogni organismo è legato al futuro per mezzo delle cellule germinali che reca nel suo corpo. Il senso di continuità è anche orizzontale. Siamo collegati energicamente e metabolicamente con tutte le cose presenti sulla terra, dai lombrichi che smuovono il terreno arieggiando, agli animali che ci provvedono del cibo quotidiano. Il fatto di sentire questo senso di connessione e di agire in armonia con esso è il segno dell’uomo di fede, dell’uomo che “ha fede nella vita”. La sua fede è forte quanto la sua vita perché è l’espressione della forza vitale che vi è nella persona. Coloro che hanno una fede autentica si distinguono per una qualità che noi tutti riconosciamo. Ed è la grazia. Una persona che ha fede è aggraziata nei suoi movimenti perché la sua forza vitale scorre con naturalezza e liberamente attraverso il corpo. E’ aggraziata nelle maniere perché non resta appesa al proprio ego e al proprio intelletto, alla propria posizione o al proprio potere. E’ un tutt’uno con il corpo e, attraverso il corpo, con la vita intera e con l’universo. Il suo spirito è illuminato e risplende della fiamma intensa della vita che c’è in lei. Ha un posto nel proprio cuore per ogni bambino, poiché questi rappresenta per lei il futuro; ed ha rispetto per “gli anziani” perché sono la sorgente della sua esistenza e il fondamento della sua saggezza.

Potrebbero piacerti

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.